X75

FUSIONE DI ARTE SCIENZA E IMMAGINAZIONE.

INVENTARE NUOVE INVENZIONI.

LA PAROLA E' IN DISUSO, MA NELLA REALTA' OGNI SOCIETA' HA BISOGNO DI INVENTORI.

NON CI SONO SCUOLE, LIBRI CONCRETI O INSEGNATI.

Non devi essere un Einstein  e trasferire teorie brillanti su una lavagna e neanche un Wozniak e Jobs, sconvolgendo il mondo da un garage. Quando pensi a un inventore, la tua immaginazione può portarti al caro vecchio Doc di ritorno al futuro, o ad un teoreta dai capelli lunghi. Indipendentemente dall'immagine che hai in mente, i migliori inventori riversano la loro passione nel loro lavoro, nei loro progetti, nelle loro passioni, imprimendo un cambiamento oltre i confini prestabiliti dalla scienza e dal marketing... in poche parole  ...oltre il possibile.

OGNI UOMO E' GRANDE QUANDO IL SUO SGUARDO VOLGE NELLA GIUSTA DIREZIONE.

 

COSA VUOI INVENTARE? E' GIA' STATO INVENTATO TUTTO!

Chiunque può diventare un inventore e indipendentemente da cosa tu voglia realizzare, le qualità di un inventore, non necessariemente coincidono con uno scienziato, un esperto, un ricercatore. Ci sono poche qualità ben note richieste. Sono curiosità, immaginazione, perseveranza, concentrazione, disciplina, conoscienza, fantasia e capacità di comprendere i bisogni delle persone.

NECESSITA': LA PRIMA REGOLA DELL'INVENZIONE

Al giorno d'oggi, utilizziamo ampiamente molti gadget, strumenti e accessori per rendere le nostre vite più facili e migliori. Ogni invenzione o scoperta è avvenuta per necessità.  Alcune invenzioni sono avvenute per caso e altre con grandi tentativi ed errori. Ad esempio, prima di inventare la lampadina elettrica, Thomas Edison ha sperimentato più di 10.000 diversi modelli. Continuò a provare fino a quando non perfezionò la sua grande invenzione.

Allo stesso modo, la natura stessa è una grande mappa per generare idee e design creativi. Puoi trovare innumerevoli invenzioni che imitano la nostra natura. La curiosità umana svolge un ruolo vitale nello sviluppo di nuovi prodotti e servizi. Quindi, acute capacità di osservazione, comprensione e traslazione hanno contribuito a soddisfare qualsiasi esigenza, o crearne di nuove.